Facebook Twitter Gplus RSS
Home Legno e Materiali Riciclo del legno
formats

Riciclo del legno

riciclo (© M.Gove - Fotolia)

riciclo (© M.Gove - Fotolia)

Se da una parte il legno riciclato nel 2011 ammontava a 1 milione e 272.477 tonnellate, dall’altra parte diminuisce il recupero complessivo dei rifiuti. Il calo di circa il 3,5% è da imputare alla diminuzione della materia prima immessa nel mercato, infatti il dato più basso lo si registra nel terzo trimestre del 2011, periodo che equivale al momento economico peggiore. Gli imballaggi di legno recuperati ammontano al 58% e provengono sia dalla raccolta urbana, che dalla gestione dei rifiuti della grande distribuzione. Nel 2010 il legno riciclato era stato il 55%.

I rifiuti riciclati provengono maggiormente dalla categoria industriale, data la presenza di maggiori imballaggi. Dalla raccolta differenziata urbana provengono 123.000 tonnellate di imballaggi e le maggiori differenze si riscontrano a livello regionale. Se in Basilicata si registra il 30% in meno della raccolta, il Molise la incrementa di circa il 50%, mentre per altre regioni, quali l’Abruzzo, la Valle d’Aosta, la Puglia e le Marche si assiste a una diminuzione nell’ordine tra il 15% e il 10%. Aumentano anche i punti di ritiro rispetto al 2010 con 14 in più per un totale di 389 distribuiti sul territorio nazionale. Il riciclo avviene tramite diverse metodologie di lavoro, da quello meccanico, al compostaggio, alla rigenerazione di imballaggi.

Nel riciclo meccanico la materia prima viene impiegata per la realizzazione di pannelli, oppure per la pasta di cellulosa, che viene poi impiegata per la realizzazione della carta. Da questo tipo di riciclo si ottengono anche i blocchi in legno cemento, destinati all’edilizia. Nel caso invece di imballaggi che possono essere recuperati, si sostituiscono le parti rotte di modo che possano svolgere la loro funzione, alla stregua di un prodotto nuovo.